news-campiello-2015

Arte e cultura a Venezia da sempre vivono strette da un legame inscindibile; per celebrarlo, la Scuola del Vetro Abate Zanetti sostiene la 53/a edizione del Premio Campiello, storico concorso letterario instituito nel 1962 dagli industriali veneti.

Per il terzo anno consecutivo la Scuola del Vetro non è solo stata l’incantevole scenario di una Cena in onore degli autori finalisti del Premio, ma è soprattutto la fornace che ha creato tutti i premi per il concorso.

In particolare, i maestri vetrai della Scuola hanno realizzato per il premio: i 280 ciondoli in pasta vitrea, con cui nel corso della serata Campiello Ducale, dedicata ai giovani talenti, saranno omaggiati gli invitati a Palazzo Ducale; i tredici omaggi per i componenti della Giuria dei letterati e del Comitato tecnico che consistono negli svuotatasche realizzati in color carta da zucchero con la tecnica della vetrofusione; il vaso Liberty,  per il Presidente di giuria, il saggista e politologo Ilvo Diamanti.

Per quanto concerne i Premi, ognuno di essi recherà l’incisione personalizzata, e si tratta: del vaso Ivory Taped Vintage, che andrà ai cinque finalisti e delle preziose sculture in vetro di Murano che compongono la Water Glass Collection, disegnata in esclusiva per Abate Zanetti dallo studio di design ChiaramonteMarin. Nello specifico il vincitore del concorso Campiello Giovani sarà premiato con la Pantegana di Laguna blu; al vincitore del Riconoscimento estero del Campiello Giovani, sarà consegnata Mormora di Valle, ed infine, il vincitore del Premio Campiello – Opera Prima riceverà le Allodole di Estuario.

Il Presidente della Scuola del vetro Abate Zanetti, Martina Semenzato si è detta felice e onorata di contribuire all’evento, e ha dichiarato: “Tra gli obiettivi primari di Abate Zanetti vi è quello di trasmettere cultura, che ricordiamo non è solo bellezza, ma è anche avanzamento e sviluppo. Sostenere il Premio Campiello, per noi significa ribadire il legame tra imprenditoria e cultura, che incarna oltretutto lo spirito col quale il Premio è stato istituito, ed è un’occasione per potenziare dei settori di eccellenza, facendo rete”.

Abate Zanetti è situata in Calle Briati a Murano ed è oggi un luogo di sperimentazione e innovazione. Erede dell’antica Scuola di disegno per vetrai, fondata nel 1862 dall’abate Vincenzo Zanetti,  è un centro in cui insegnamento e produzione vanno di pari passo e la tradizione delle tecniche muranesi incontra l’avanguardia del design.

Una forte volontà di aggregare le molteplici realtà del panorama vetraio contemporaneo, guardando al mondo del design, della cultura, dell’arte, si coniugano con la custodia di mille anni di tradizione e abilità tecnica proprie dell’isola di Murano.