premio-campiello-2014

La Scuola del Vetro Abate Zanetti di Murano sostiene la 52^edizione del premio letterario Campiello, in un connubio tutto veneziano tra arte e cultura.

Sono, infatti, prodotti dalla storica vetreria in isola, di cale Briati tutti i premi in distribuzione per il prestigioso concorso promosso da Confindustria Veneto.

Nello specifico: una piastra per l’opera prima assoluta; una caraffa per il vincitore della sezione Giovani e un’altra per il primo classificato di quelle Giovani Estero; la riproduzione di un pesce rosso e oro veneziano, su proposta della designer Gianna Moise – vincitrice del Premio Murano 2013 nella sezione fornace – per la presidente della giuria Monica Guerritore.
Inoltre, dei fazzoletti incamiciati, tipico oggetto del design della tradizione muranese, vengono offerti a ciascuno dei 5 autori finalisti e ai 13 componenti della giuria e del comitato tecnico. Tutti questi oggetti riportano l’incisione “Premio Campiello 52° edizione”.
Si aggiungono 200 ciondoli con inserto di murrine nei quattro colori del premio con i quali sono stati omaggiati i presenti alla serata di Palazzo Ducale.

“Per noi è un grande onore poter contribuire a un evento culturale così prestigioso qual è il premio letterario Campiello – dice la presidente della Scuola del vetro Abate Zanetti, Martina Semenzato – Con entusiasmo abbiamo colto l’opportunità di metterci a disposizione di questa iniziativa così radicata nel territorio grazie all’impegno pluriennale degli imprenditori del Veneto. Siamo, infatti, convinti che unire le forze e valorizzare assieme le eccellenze sia un’occasione di crescita indispensabile per la nostra comunità, locale e nazionale”.

Nei mesi scorsi, la vetreria di Murano ha ospitato nella sua suggestiva cornice una serata conviviale di gala dedicata agli autori finalisti del concorso.

Abate Zanetti è erede di un’antica istituzione vetraria, la Scuola del disegno per vetrai, fondata nel 1867 dall’abate Vincenzo Zanetti, ed oggi più che mai, il luogo d’incontro tra il passato e il futuro dell’arte del vetro. Un centro di produzione, ricerca e sperimentazione sui temi dell’avanguardia artistica e del design del vetro, capace di realizzare opere uniche seguendo le indicazioni del designer o partendo dalla volontà del committente, con la possibilità di replicarle su vasta scala. I prodotti possono essere realizzati in quattro tecniche: fornace, lume, vetrofusione, moleria.
La volontà di aggregare le molteplici realtà del panorama vetraio contemporaneo e di produrre guardando al mondo della cultura e dell’arte, si coniuga con la custodia di mille anni di tradizione, la creatività e l’abilità tecnica proprie dell’isola di Murano.